Sport e Marketing

Eriksen guida la Top 11 dei talenti di Eredivisie

Undici prospetti Under 23 per il futuro: occhio a Maher (Az) e De Jong (Twente)

17/03/2012
Eriksen guida la Top 11 dei talenti di Eredivisie

Olanda, il futuro è qua. L'Eredivisie è un campionato sempre più interessante ed aperto. Definitivamente tramontata l'era della “triade” Psv-Ajax-Feyenoord, sono ora tante le squadre che ambiscono al titolo nazionale, dall'Az Alkmaar, che brilla nelle coppe, al Twente, ma anche l'Heerenveen, rivelazione stagionale.

Olanda da sempre palestra-laboratorio di tattica e tecnica. Ecco un nostro personalissimo Top 11 di talenti che gli osservatori internazionali stanno tenendo d'occhio.

Iniziamo dal portiere dell'Az, Esteban Alvarado Brown (noto come Esteban), un gigante del 1989, divenuto famoso per aver preso a calci un invasore che tentava di aggredirlo. E' il numero uno del Costa Rica: gran personalità e struttura fisica esplosiva.

In difesa a destra Bart Schekenveld (1991) della rivelazione Heerenveen, in mezzo il brasiliano Douglas (1988, del Twente, ma già promesso all'Ajax) e un'altra colonna dell'Heerenveen, ovvero Jeffrey Gouweleeuw (1991). Completa il quartetto, Gregory Van der Wiel (1988) dell'Ajax, già nel giro della nazionale maggiore – ben 28 presenze - e dal probabile futuro in Premier.

I centrocampisti sono il fuoriclasse danese Christian Eriksen (Ajax, 1992), al tempo stesso metronomo e trequartista. Ricorda Lampard ed è ad appena 20 anni il capitano carismatico della sua Nazionale.

Addirittura del 1993 è l'oriundo marocchino dell'Az, Adam Maher: grandissime le due prestazioni contro l'Udinese in Europa League. Poi c'è Kevin Strootman (1990), esterno del Psv: mezza Europa ha già messo gli occhi su di lui.

Tre le punte: Kolbeinn Sightorsson viene dalla fredda Islanda ed è nato nel 1990. Già 5 reti in 8 gare con l'Ajax. In mezzo un panzer come John Guidetti (1992) del Feyenoord, mezzo canadese, mezzo svedese e ascendenza italiana. Ricorda il primo Vieri.

Il terzo è Luuk De Jong, altro 1990, ma del Twente: veloce e filiforme.