Pasquale Frisenda

F come Fumetto (6): 'Sharaz-de' di Sergio Toppi (1979)

Brevi segnalazioni su singole storie, albi, libri e serie rigorosamente a fumetti.

24/01/2014
F come Fumetto (6): 'Sharaz-de' di Sergio Toppi (1979)

Sharaz-de di Sergio Toppi (Italia - 1979)

"Il re persiano Shāhrīyār, essendo stato tradito da una delle sue mogli, uccide sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. Un giorno, Sharāzād, figlia maggiore del Gran Visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo escogitato un piano per placare l'ira dell'uomo. Così, la bella e intelligente ragazza, per far cessare l'eccidio e non essere lei stessa uccisa, attua il suo stratagemma con l'aiuto della sorella: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte, e alla fine il re, perdutamente innamoratosi, le rende salva la vita..."

L'opera in questione è la trasposizione a fumetti delle vicende de Le mille e una notte, la celebre raccolta di novelle orientali di varia ambientazione storico-geografica, composta da differenti autori e datata attorno al X secolo.

L'importanza della fantasia, di avere qualcosa da narrare e soprattutto nel saperlo fare bene, è quindi il filo rosso che collega queste fiabe (che parlano di barbarie e vendetta, ma anche di saggezza, giustizia e clemenza) al lavoro di Sergio Toppi.
Era difficile pensare a qualcuno meglio di Toppi nell'impegno nel descrivere le atmosfere magiche, i mondi fiabeschi e mitologici offerti dal testo: la sua inimitabile perizia grafica (poetica ed epica), unita alla sensibilità narrativa tipica di questo autore, capace di saper ricreare con estrema efficacia atmosfere, sguardi, sfumature, luci ed ombre, e ritrarre con assoluta maestria imperi e miserie, gli spazi assolati dei deserti o le buie vie di tenebrose città, cupi guerrieri o irresistibili seduttrici, fanno di Sharaz-de un vero capolavoro del fumetto, uno dei vertici toccati da questo immenso disegnatore nella sua carriera.

Inizialmente pubblicati a puntate sulla rivista Alteralter a partire dal numero di giugno del 1979, i racconti che formano l'opera sono stati raccolti nel volume Sharaz-de della Milano Libri Edizioni nel 1984 e ripubblicate più volte in diversi formati, anche all'estero.

Di Sharaz-de esistono poi versioni differenti: sul volume edito dalla Milano Libri l'unica storia realizzata interamente a colori è Ho atteso mille anni, mentre in rivista è stata pubblicata a colori anche Mudgiajd e il suo re (in altre occasioni vista solo in bianco e nero, ed infatti si può notare che l'inchiostrazione di Toppi in quelle tavole è molto meno dettagliata, per lasciare probabile spazio alla successiva colorazione).
A distanza di anni, l'autore ha ripreso le vicende pubblicando nuove storie raccolte nel libro Sharaz-de - Volume 2 (del 2005).

Buona lettura!

P.S. Di Sergio Toppi potete trovare altre notizie QUI, QUI e QUI.

P.P.S. Altri post su fumetto, illustrazione, cinema ed altro li potete trovare QUI.