Pasquale Frisenda

F come Fumetto (33): 'Savarese' di Robin Wood e Domingo Mandrafina (1977)

Brevi segnalazioni su singole storie, albi, libri e serie rigorosamente a fumetti.

28/07/2017
F come Fumetto (33): 'Savarese' di Robin Wood e Domingo Mandrafina (1977)

Savarese di Robin Wood e Domingo Mandrafina (Giovanni Savarese - Argentina - 1977)

"Sicilia, primi anni del '900. Un piccolo proprietario terriero viene ucciso per questioni di interessi dal boss mafioso locale. Più mosso dal disgusto che dalla misericordia, il boss risparmia la vita al figlio dell'uomo appena assassinato, il gracile e, a suo modo di vedere, trascurabile Giovanni, ma gli impone di lasciare la città. Il ragazzino rimane un po' di tempo a Palermo, ma è inerme contro qualsiasi sopruso, e così, quando le cose si fanno davvero difficili, si imbarca per gli Stati Uniti. Arriva, come molti immigrati italiani, a New York, e va a stabilirsi nel quartiere di Little Italy. Giovanni (ormai diventato John) cresce, adattandosi a tutto e sopravvivendo come può. E' di carattere amabile, ma è introverso e ostinato nelle sue cose (si applica molto in ogni lavoro e nello studio), e tende a starsene per i fatti suoi, anche se è benvoluto da tutti. Una fiamma però gli arde nel petto: dotato di un'integerrima onestà e di un'accesa intelligenza, non riesce più a sopportare il malaffare che gli gira intorno, e decide di fare un passo per certi versi rischioso per un immigrato come lui, arrivando ad arruolarsi nella polizia della città (scelta determinata dall'uccisione di un suo amico poliziotto). L'istinto deduttivo che John Savarese svilupperà andrà ben oltre i confini di Little Italy, facendolo entrare nel primo nucleo della neonata FBI, che ha dichiarato guerra alla criminalità organizzata..."

Anche se è una serie puramente poliziesca, in Savarese si fondono mirabilmente anche il dramma e il racconto di formazione (non è difficile vedere nel percorso del giovane siciliano le problematiche di molti ragazzi, soprattutto se immigrati).
Scritta con grande sensibilità, oltre che senso del ritmo e dell'azione da un Robin Wood in piena forma (qui si parla di uno dei più importanti ed eclettici scrittori di fumetti contemporanei, e tra i suoi personaggi ci sono titoli che hanno segnato la storia del fumetto argentino, come: Nippur di Lagash, l'evocativo e complesso Gilgamesh, Qui la Legione, Amanda e ovviamente Martin Hel e Dago, e solo per dire i suoi eroi più noti) e disegnata da uno dei massimi disegnatori dell'historieta, Domingo "Cacho" Mandrafina - mago assoluto del bianco e nero come il suo diretto maestro, l'immenso Alberto Breccia, e artista straordinario nel creare atmosfere che sembrano uscite dai fotogrammi della migliore stagione del noir cinematografico ricco di suggestioni espressioniste, che proprio con questo personaggio arrivò a maturare in maniera significativa il suo inconfondibile stile.

Savarese è una serie che si è distinta per avere un impianto narrativo decisamente solido e realistico, dove i personaggi non sono mai ritratti come degli eroi ma più come persone, con i loro dubbi e le loro paure (l'ostinazione che muove il protagonista è spesso vista come un'ossessione), ed è un vero capolavoro del genere, che ha meritatamente conquistato il favore del pubblico: puntata dopo puntata l'emozionante e avvincente affresco noir/poliziesco di Wood e Mandrafina si è fatto largo nel cuore dei lettori, diventando un punto di confronto in tal senso.
Nella lunga serie di racconti che formano la saga di Savarese, la vicenda personale del personaggio si mischia con accadimenti più o meno noti di quel complicato periodo della storia statunitense, dando l'occasione al lettore di averne un'idea piuttosto chiara e completa.

Ideato nel 1977 per la casa editrice argentina Editorial Columba (e vagamente ispirato alla saga de Il Padrino di Mario Puzo e alla vita del poliziotto italoamericano Giuseppe "Joe" Petrosino), in Argentina il personaggio di Savarese è quasi un mito (a lui è stato dedicato anche un francobollo), ma le avventure di Giovanni/John Savarese hanno avuto molta fortuna anche qui in Italia: apparsa nei primi anni '80 sul settimanale Lanciostory, la collana è stata poi raccolta più volte dall'Eura (oggi Aurea) sia in volumi cartonati (purtroppo a colori, che smorzano il potente effetto dei bianchi e neri di Mandrafina) che brossurati (in questo caso per fortuna in bianco e e nero), ma spesso con le tavole rimontate a uso e consumo del contenitore dove venivano ospitate.
A Savarese è stato dedicato anche il volume n. 9 della bella serie di cartonati editi dalla Mondadori intitolata I Maestri del fumetto.

Qui di seguito trovate due video, dedicati al personaggio e all'arte di Mandrafina:

P.S. Altri post su cinema, televisione, fumetti, romanzi ed altro li potete trovare QUI.