PostCardCult.com

Digital Magazine

Digital Magazine Dicembre 2012

Leggi l'ultimo numero della nostra rivista digitale con il tuo iPad o il tuo browser

leggi
Casino Image Banner 728 x 90

Alberto Breccia (parte 2 di 2)

Alberto Breccia (parte 2 di 2)

Pasquale consiglia (8)

"Mort Cinder", oltre a Breccia, ha un'altro padre, Héctor Oesterheld, che ha contribuito all'ideazione del personaggio e ne ha sceneggiato le storie. Ed è proprio Oesterheld a darci la chiave per capire questo strano personaggio: "Mort Cinder" è la morte che non cessa di esserlo. Un eroe che muore e che resuscita. In "Mort Cinder" c'è l'angoscia, la tortura...'. Chi è dunque "Mort Cinder"? Apparentemente e superficialmente un uomo che non muore mai, o meglio, che può resuscitare per vivere altre avventure dove può ancora morire. In realtà, "Mort Cinder" è solo un trucco per farci sentire più reali, più vere, situazioni dove la vera protagonista è proprio la morte. "Mort Cinder" ha vissuto in tutti i tempi e in tutte le situazioni storiche. Era uno schiavo sulle navi negriere. Era uno dei tanti che hanno costruito la Torre di Babele. Era uno degli spartani alle Termopili. Un condannato nel penitenziario di Blue Dove. Un combattente nella seconda Guerra Mondiale. "Mort Cinder" è stato dappertutto, ha sofferto dappertutto. "Mort Cinder" è in realtà un non-personaggio".
(dall'introduzione di Beppi Zancan al volume "Gli Uomini dagli occhi di piombo" - ed. Oscar Mondadori - 1974).


In questa puntata (qui divisa in tre parti) del programma televisivo argentino "Continuarà" (dedicato completamente all'historieta, cioè il nome con cui viene chiamato il fumetto in Argentina) sono presi in esame la figura di Alberto Breccia e il suo lavoro su "Mort Cinder", una delle opere più importanti della storia del fumetto, realizzata dal grande sceneggiatore Héctor G. Oesterherld, autore anche del mitico "Eternauta", e da Breccia nel 1962.
La puntata, condotta da Juan Sasturain (lo sceneggiatore di "Perramus", altra splendida opera sempre disegnata da Breccia), dura complessivamente una mezz'oretta (è in lingua originale, ma il tutto è comunque piuttosto comprensibile).
Vale sempre la pena di riascoltare la voce del grande Maestro sudamericano, anche (soprattutto?) per quello che dice dal minuto 6.05 in poi del primo video.
E se lo dice lui...

parte 1:

parte 2:

parte 3:


Il precedente post su Alberto Breccia lo trovate QUI.


Buona visione! 


P.S. Altri post sui Maestri del Fumetto o su altri argomenti li potete trovare invece QUI.